ORDINE 1178-2020 MISURE SPECIFICHE COVID-19 ZONE DETERMINATE

Questo ordine avrà effetto da 00: Ore 00 il 21 settembre 2020 per un periodo iniziale di quattordici giorni di calendario, che può essere prorogato. Saranno applicabili le misure stabilite in questa ordinanza un tutte le persone che si trovano o circolano, nonché coloro che sono titolari di qualsivoglia attività economica, attività o ente ad uso pubblico o aperto al pubblico situato nei centri abitati interessati.

Comune di Madrid:

Distretto di Carabanchel. Zone sanitarie di base: Puerta Bonita. Buoni panorami. Guaiava.

Distretto di Usera. Aree di salute di base: Almendrales, Las Calesas, Zofío, Orcasur, San Fermín.

Quartiere Villaverde. Zone sanitarie di base: San Andrés, San Cristóbal, El Espinillo, Los Rosales.

Distretto di Villa de Vallecas. Area sanitaria di base di Villa de Vallecas.

Distretto di Puente de Vallecas. Aree sanitarie di base: Entrevías, Martínez de la Riva, San Diego, Numancia, Peña Prieta, Pozo del Tío Raimundo, Ángela Uriarte, Alcalá de Guadaíra, Federica Montseny.

Distretto di Ciudad Lineal. Aree di salute di base: Doctor Cirajas, Gandhi, Daroca, La Elipa.

Comune di Alcobendas. Area sanitaria di base di Alcobendas-Chopera, Miraflores.

Comune di San Sebastián de los Reyes. Reyes Católicos area sanitaria di base.

Comune di Getafe. Aree di salute di base: Las Margaritas, Sánchez Morate.

Comune di Fuenlabrada. Aree sanitarie di base: Alicante, Cuzco, Francia.

Comune di Parla. Zone sanitarie di base: San Blas. Isabel II.

Comuni di Humanes e Moraleja de En medio. Area sanitaria di base Humanes de Madrid.

Misure preventive specifiche da applicare

  1. L'ingresso e l'uscita delle persone è limitato delle aree territoriali comprese nella sezione precedente, salvato per quegli spostamenti, adeguatamente giustificati, che si verificano per uno dei seguenti motivi:

  1. a) Assistenza a centri, servizi e strutture sanitarie.
  2. b) Rispetto degli obblighi di lavoro, professionali, aziendali o legali.
  3. c) Frequenza in centri didattici ed educativi, comprese le scuole materne.
  4. d) Rientro nel luogo di residenza abituale.
  5. e) Assistenza e cura per anziani, minori, persone a carico, persone con disabilità o persone particolarmente vulnerabili.
  6. f) Per recarsi presso enti finanziari e assicurativi.
  7. g) Per svolgere azioni necessarie o urgenti davanti a enti pubblici, giudiziari o notarili.
  8. h) Effettuare rinnovi di permessi e documentazione ufficiale, nonché altre procedure amministrative non rinviabili.
  9. i) Effettuare esami o prove ufficiali non rinviabili.
  10. j) Per cause di forza maggiore o situazione di necessità.
  11. k) ogni altra attività di analoga natura, debitamente giustificata e accreditata.

La circolazione su strada e strade che transitano o attraversano le aree territoriali che costituiscono l'oggetto del presente Ordine saranno consentite purché abbiano origine e destinazione al di fuori di esso.

La circolazione dei residenti all'interno delle aree territoriali interessate è consentita, sempre nel rispetto delle misure di protezione individuale e collettiva stabilite dalle competenti autorità sanitarie, sebbene la popolazione sia scoraggiata dagli spostamenti e dallo svolgimento di attività non essenziali.

  1. Partecipazione a luoghi di culto Non può superare un terzo della sua portata e deve essere comunque garantita la distanza interpersonale minima di 1,5 metri e l'uso di una maschera.

  1. Presenza alle veglie È limitato a un massimo di 15 persone in spazi esterni o 10 in spazi chiusi, indipendentemente dal fatto che vivano insieme o meno. La partecipazione all'entourage per la sepoltura o il licenziamento per la cremazione del defunto è limitata a un massimo di quindici persone, tra parenti e amici intimi, oltre, se del caso, al ministro del culto o persona assimilata della rispettiva confessione per la pratica dei riti funebri di addio al defunto.

  1. Tutti gli stabilimenti, i locali commerciali e i servizi sono aperti al pubblico Non potranno superare il 50% della capienza consentita e avranno l'orario di chiusura legalmente autorizzato, non potendo in ogni caso superare le ore 22:00, tranne stabilimenti farmaceutici, medici, veterinari, di carburanti per automobili e altri considerati essenziali.

  1. Gli stabilimenti alberghieri e di ristorazione Limiteranno la capacità al 50%, sia all'interno che all'esterno, non potendo consumare nei bar.

I tavoli o gruppi di tavoli devono mantenere una distanza di almeno 1,5 metri rispetto alle sedie assegnate agli altri tavoli o gruppi di tavoli al fine di garantire il mantenimento della corretta distanza fisica di almeno: 1,5 metri tra le persone sedute a tavoli diversi o, se del caso, gruppi di tavoli.

La capienza massima sarà di sei persone per tavolo o gruppo di tavoli e avrà l'orario di chiusura legalmente autorizzato, non potendo in ogni caso superare le 22, ad eccezione dei servizi di consegna a domicilio.

Queste stesse limitazioni di capacità e orari sono applicabili alle strutture e ai luoghi in cui si svolgono attività di gioco d'azzardo e scommesse.

  1. L'attività svolta nelle accademie, Scuole guida e centri privati ​​per centri di istruzione e formazione non regolamentati esclusi Nell'ambito di applicazione dell'articolo 9 del RD Legge 21/2020, possono essere insegnati di persona purché non ecceda una capacità del 50% rispetto al massimo consentito.

L'attività faccia a faccia in queste strutture sarà limitata a gruppi di massimo 6 persone e saranno stabilite misure appropriate per mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di un metro e mezzo nelle loro strutture in ogni momento.

  1. La pratica sportiva può essere svolta negli impianti sportivi, sia all'esterno che all'interno, purché non venga superato il 50% della capacità massima consentita della struttura. La pratica sportiva in gruppo è limitata a un massimo di 6 persone.

  1. In generale e fatte salve le disposizioni della presente ordinanza per aree specifiche, le percentuali di capacità delle attività, dei servizi e delle strutture che sono determinate nel Ordine 668/2020 sono ridotti al 50%, a meno che non ne avessero uno inferiore.

  1. L'attività dei seguenti spazi è temporaneamente sospesa:

  1. a) Parchi e giardini pubblici.
  2. b) Campi da gioco per uso pubblico.

Applicazione delle misure adottate con l'ordinanza 668/2020. Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente Ordine, ed in quanto con esso compatibile, trovano applicazione, nelle aree territoriali oggetto della stessa, le misure che, in generale, sono stabilite nel Decreto 688/2020. 19 giugno, dal Ministero della Salute, che stabilisce misure preventive per far fronte alla crisi sanitaria causata dal COVID-19 una volta prolungato lo stato di allarme stabilito con Regio Decreto 555/2020, del 5 Giugno e le sue successive modifiche.